Ayurveda

Trattamento Ayurvedico “Abhyanga”

Il trattamento “Abhyangam”, chiamato genericamente “massaggio Ayurvedico”, è una forma di oleazione di tutto il corpo propria della medicina Ayurvedica. Ne esistono moltissime differenti tecniche e manualità.
Nato in India migliaia di anni fa ed evolutosi nel tempo con svariate differenziazioni; alcune di esse sono state codificate ufficialmente nella tradizione ayurvedica, mentre altre restano patrimonio non ufficiale in quanto si tramandano a livello familiare e personale.
Tutte hanno come finalità principale l’oleazione profonda e pervasiva del corpo con i c.d. “oli medicati” ayurvedici; ciascuno di essi mira a riequilibrare e pacificare determinati squilibri, fisici o sottili, della persona.

Il massaggio Ayurvedico purifica e riequilibra il corpo, la mente e lo spirito con una triplice azione:

– attraverso la manipolazione fisica, una dolcissima coccola prepara il corpo per la fase successiva del trattamento ovvero il riequilibrio dei “Dosha”;

– l’olio medicato svolge azione pacificante sul corpo, rinforzando la salute e le difese naturali di pelle, cute, organi interni, corpo “sottile” della persona;

– attraverso l’azione sui Marmani, c.d. “punti di emergenza del corpo sottile sul corpo grossolano”, si riequilibra la persona a livello sia psicofisico che emotivo e si aiuta il corpo ad eliminare le tossine ed attivare i propri meccanismi autonomi di potenziamento delle difese naturali.

L’Abhyangam favorisce il ritorno all’armonia tra corpo e mente che è alla base della salute e della bellezza, anche interiore, della persona, promuovendo ed incoraggiando il riequilibrio spirituale.
E’ consigliato a chi vuole prevenire l’invecchiamento estetico ed organico, favorendo il raggiungimento ed il mantenimento del massimo livello di benessere olistico possibile per la persona.
Aiuta ad innalzare le difese dell’organismo durante i cambi di stagione. E’ un potente strumento per aiutare a “riportare la mente nel corpo”, riconciliando tensioni emotive e psicofisiche ed incentivando il “risveglio consapevole” della persona attraverso una vera e propria meditazione sul corpo sottile e materiale.